eLiterature & Electronic Literature

febbraio 8, 2011

Electronic Literature Collection Volume 2 (ELC v.2) – Official Release – Review

Copyright
Fabio De Vivo

La ELO (Electronic Literature Organization) continua il suo operato di antologizzazione delle opere di eLiterature. Ecco infatti la nuova collezione ELC2 – Electronic Literature Collection Vol. 2 curata da Laura Borràs, Talan Memmott, Rita Raley e Brian Kim Stefans. Come la ELC1 anche la ELC2 raccoglie sessanta opere di eLiterature con grandi classici precedentemente non raccolti nella prima antologia come Screen di Wardrip-Fruin e Façade di Michael Mateas e Andrew Stern. ELC2 raccogli inoltre autori già presenti in Elc1 come Jason Nelson (di Dreamaphage), J. R. Carpenter (di The Cape) – presenti anche alla OLE – Judd Morrissey (di The Jew’s Daughter), Stuart Moulthrop (di Reagan Library), William Poundstone (di Project for Tachistoscope), Kate Pullinger (di Inanimate Alice, Episode 1: China). Sono raccolte anche opere di autori prima non presenti in ELC1 ma ben noti in ambito eLiterature come Nick Montfort (attuale presidente della OLE), Scott Rettberg (Coordinatore ELCPIP), Stephanie Strickland e tanti altri come Rui Torres, Serge Bouchardon – questi ultimi due presenti anche all’OLE – Alan Bigelow, David Clark, Juliet Davis, Caitlin Fisher, Isaías Herrero, Justin Katko, Bjørn Magnhildøen, Chico Marinho, Mez, Jaime Alejandro Rodríguez, Braxton Soderman, Ilya Szilak, Eugenio Tisselli e Christine Wilks.

Per il momento mi soffermo su un grande classico Screen (2003) di Wardrip-Fruin (che ha anche contribuito al mio Project Interview) realizzato in collaborazione con Robert Coover et al. Screen è un fantastico esempio di Locative Narrative di tipo Site-Specific Installation per ambiente CAVE. Screen è un’opera performata in un ambiente tridimensionale virtuale (CAVE), adoperando, come dispositivi estensivi dei sensi umani, occhiali 3d e guanti con sensori di movimento. Screen offre una modalità di fruizione che non è semplice lettura, bensì una complessa interazione tra la mente, il corpo ed il testo. L’opera inizia come un’esperienza di lettura e di ascolto, che vede spezzoni di memorie apparire sulle quattro pareti a schermo della stanza virtuale e circondare completamente il lettore.  Lo scopo di Screen non è quello di rendere un testo intellegibile, bensì quello di utilizzare il testo come materiale di gioco in modalità non ancora esplorate. Il progetto CAVE è stato avviato nel 1997 dalla collaborazione di sei dipartimenti della Brown University e si riferisce all’ambiente virtuale tridimensionale realizzato adoperando le più moderne tecnologie di Virtual Reality. Per la sua scalabilità, adoperato sia per discipline umanistiche che per discipline scientifiche, CAVE risulta essere uno dei pochi siti al mondo ad offrire, in maniera estensiva, la possibilità di sperimentare gli effetti e i vantaggi offerti dalla realtà virtuale. Il progetto è costato oltre un milione di dollari e l’ambiente risulta fruibile solo da chi ha la possibilità di lavorare o collaborare direttamente con centri di ricerca di eccellenza. Una forte limitazione per la distribuzione di massa delle opere create per questo innovativo ambiente. Da alcuni anni, tuttavia, si sta cercando di trasporre le possibilità creative di CAVE e di allargare la possibilità di fruizione delle opere derivanti usando gli authoring tool e i multimedia player di casa Apple, come in questo caso e anche nei casi di Lens e Torus di John Cayley, scaricabili on line in versione riadattata per Quick Time. Tale trasposizione porta ovviamente con sé le limitazioni della tecnologia adottata in sostituzione della complessa e costosa realtà virtuale adoperata in CAVE.

Lo scopo di Screen, infatti, non è quello di rendere alla fine una ricostruzione del testo intellegibile, bensì quello di utilizzare il testo come materiale di gioco in modalità che, l’annosa questione della relazione tra ludico e letterario[1], “has not previously explored


[1] Cfr.: 3.2.4.

gennaio 13, 2011

Il programma del Convegno Internazionale sulla eLiterature

Oggi è stato pubblicato il programma dettagliato del Convegno Internazionale “Officina di Letteratura Elettronica” che si terrà presso il Palazzo delle Arti di Napoli il prossimo 20 e il 21 Gennaio. Il programma è decisamente ricco di partecipanti, complimenti a Lello Masucci e Giovanna di Rosario, i curatori del convegno. Tra i tanti nomi, avremo Derrick de Kerckhove, il famoso sociologo belga-canadese autore del famosissimo Connected Intelligence: the arrival of the web society, John Cayle della Brown University autore di opere di Site-Specific Locative Narrative quali Torus e Lens per ambiente CAVE, per la ePoetry figure quali, tra le altre, Philipphe Bootz, Loss Pequeño Glazier, Jason Nelson in videoconferenza dall’Australia, Caterina Davinio. E ancora Scott Retteberg alla guida del progetto europeo ELMCIP, Markku Eskelinen per la Game Theory, Raine Koskimaa, Laura Borras e tanti altri.

Ah dimenticavo, ci sono anche io, Fabio De Vivo 🙂 Il mio intervento è il 21 alle ore 10.10.

Programma completo OLE in formato pdf.

dicembre 12, 2009

Electronic Literature Collection

Filed under: eLiterature — Fabio De Vivo @ 3:36 pm
Tags: , ,

Per opera di studiosi, teorici ed ovviame autori per lo più americani, e grazie al fondamentale apporto della ELO (Electronic Literature Organization) nel 2006 è uscita la prima collezione di opere di eLiterature:

Hayles, N. K. – Montfort, N. – Rettberg, S. – Strickland, S. , Electronic Literature Collection, Volume one, Maryland, The Electronic Literature Organization, http://collection.eliterature.org/1/ 2006.

La raccolta è di estrema importanza se si pensa che questo risulta essere il primo tentativo di organizzare in una collezione compiuta un universo sterminato colmo di migliaia di opere di eLiterature di tutti i generi. Per la raccolta sono state selezionate 60 opere, tutte di ottima fattura.

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: