eLiterature & Electronic Literature

ottobre 7, 2011

Literature and digital society & DDDL European Network (Paris)

CC BY-NC-ND 3.0
Fabio De Vivo

Lo scorso 5, 6 e 7 ottobre la meravigliosa Parigi ha ospitato il convegno internazionale  “Literature and digital society” organizzato dal Laboratoire Paragraphe, équipe Écritures et Hypermédiations numériques dell’Università di Parigi 8. Il primo giorno del convegno è stato luogo, modo e testimone della nascita della rete europea DDDL (digital digital digital littérature). Lo scopo del network è quello di creare una attiva sinergia e una produttiva collaborazione tra i diversi gruppi di ricerca europei sulla e-Literature con lo scopo di offrire uno strumento pragmatico e indipendente per la diffusione della eLiterature oltre che nell’ambito propriamente scientifico anche in un ambito culturale più tradizionale e divulgativo.

Grazie allo spirito di iniziativa di Philippe Bootz che è riuscito a coinvolgere i maggiori gruppi di ricerca attivi in questo ambito tra i quali Hermeneia, ELMCIP e lo stesso eLitRPro che partecipa alla rete nella figura del sottoscritto tra i rappresentati del network, la DDDL rappresenta un ottimo tentativo di creare un potente strumento di supporto alla diffusione del fenomeno della letteratura digitale a livello europeo.

I successivi due giorni del convegno hanno visto dipanarsi un interessante confronto tra i diversi studiosi internazionali sul tema del rapporto tra la letteratura e la civiltà digitale. Come sempre i vari interventi sono stati decisamente interessanti variando dal delicato tema del P.A.D. a quello della formalizzazione e dell’insegnamento della disciplina, che è stato inoltre oggetto specifico del mio intervento “eLiterature Formalization and Pedagogical Implications”.

RELATORI

Alexandra Saemmer, Rhetorics of Media Coupling in the Digital.
Jörgen Schäfer, The Literary in Network-Based Writing and Reading Practices.
Claudia Kozak, Techno-Poetry in Argentina. Routes and detours.
Odile Farge, The Effects of Software on Digital Artistic Creation.
Serge Bouchardon, Digital Literature in Digital Public Spaces.
Fabio de Vivo, eLiterature Formalization and Pedagogical Implications.
Laura Borràs, Works, Works? Works!
Amelia Sanz, Towards a Practice/Theory on Digital Literary Reading.
Jerome Fletcher, In the Event of Digital Text. Performativity and  E-literature.
Asun Lopez, Re-visiting the City Ur-text: J. R. Carpenter’s CityFish.
Arnaud Regnauld, Memory at work in Michael Joyce’s /afternoon, a story/, Shelley Jackson’s /Patchwork Girl/ and Mark Amerika’s /Grammatron/
Philippe Bootz, Analysing digital poetry : a case study.
Giovanna di Rosario, Reading through images and sound.
Scott Rettberg, Building on the ELMCIP Knowledge Base: Networks and Platforms for Persistent Cultural Memory.
Inés Laitano, Remediation as a way to overcome the limitations of the book: the example of the French poem Nouvelle Impression d’Afrique by Raymond Roussel.
Maya Zalbidea, Towards a Multimodal Analysis of da Rimini’s Dollspace.

Spero di non aver dimenticato nessuno.

Segnalo inoltre la neonata pagina facebook del network e che a breve sarà inoltre disponibile il sito web della DDDL.

VIDEO

FOTO

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

giugno 29, 2011

Call for Paper: Le nuove narrazioni

CC BY-NC-ND 3.0
Fabio De Vivo

Continua a diffondersi in Italia un crescente interesse nei confronti del fenomeno culturale denominato Letteratura Elettronica o anche Letteratura Digitale (eLiterature). In questa direzione, la rivista scientifica Testo e Senso dell’Università di Tor Vergata ha deciso di dedicare un intero numero al fenomeno del New Media Writing. In tal senso, il Dossier 2011 curato da Fabio Ciotti si propone di raccogliere articoli scientifici prodotti da studiosi italiani sull’argomento della e-Literature attraverso la modalità del double blind peer review, fondamentale per dare rigore scientifico alla pubblicazione. Inoltre nel Dossier 2011 apparirà la traduzione in italiano del saggio di Katherine Hayles “Electronic Literature: What is it?” (2007). A tutti gli interessati è qui disponibile il call for paper. Deadline 31 luglio 2011.

Segnalo inoltre la nascita della Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale, il cui scopo, cito, è quello di “promuovere e diffondere la riflessione metodologica e teorica, la collaborazione scientifica e lo sviluppo di pratiche, risorse e strumenti condivisi nel campo dell’informatica umanistica, nell’uso delle applicazioni digitali in tutte le aree delle scienze umane, nell’analisi sui fondamenti umanistici delle metodologie informatiche e nello studio dei fenomeni  culturali emergenti dal mondo digitale”.

Infine, segnalo che stiamo lavorando assiduamente alla European eLiterature Collection per migliorare il portale e uscire con la prima pubblicazione. E’ già disponibile una nuova versione del sito e a breve sarà attiva anche la sezione “Collezione” dove abbiamo già raccolto e recensito diverse opere di Letteratura Elettronica. Ricordo a dutti gli autori interessati che il call for paper è sempre aperto e l’indirizzo per richiedere l’inclusione della propria opera nella prima antologia europea sulla Digital Literature è postmaster [at] eliteraturecollection.eu.

maggio 17, 2011

e-Poetry 2011

CC BY-NC-ND 3.0
Fabio De Vivo

Oggi è un giorno speciale, si apre la decima edizione dell’e-Poetry International Digital Festival. Per questa occasione la storica manifestazione (considerando i tempi del digitale) torna nella sua patria madre, Buffalo, New York State, USA. Il festival apre i battenti oggi per iniziare ufficialmente i lavori domani e protrarli fino al 21 Maggio, con un calendario di attività significativamente (e felicemente) denso ed interessante, grazie anche alla presenza di importanti esponenti di eLiterature provenienti da tutto il mondo. Clicca qui per scaricare il programma.

Il primo nome da segnalare è sicuramente Loss Pequeño Glazier della Buffalo University, e-poet storico, studioso, professore, oltre ad essere una persona deliziosa, così come ho potuto riscontrare di persona conoscendolo e frequentandolo durante il convegno internazionale di eLiterature tenutosi nel gennaio di quest’anno in Italia. Ma Loss è in questo caso da segnare soprattutto in quanto patròn del festival stesso. Grazie a lui e al suo incessante operato in ambito eLit, non solo il fenomeno culturale ha beneficiato di una persona degna e preparata sull’argomento, ma l’e-Poetry Festival, unitamente a quello di Barcellona, è divenuto uno degli incontri di eLiterature più celebri a livello internazionale.

Io e Loss, 2011.

Tra gli altri esponenti, oltre ai classici storici personaggi della eLiterature americana, un nome tra tutti, John Cayley della Brown University, troviamo anche molti studiosi e artisti europei, tra i quali, Philippe Bootz, María Mencía, Talan Memmott, J.R. Carpenter e Patricia Tomaszek. La presenza degli italiani, purtroppo, si riduce alla nostra storica Caterina Davinio e all’attivissima studiosa Giovanna di Rosario. Purtroppo per mancanza di fondi manca il sottoscritto 😦 che sarà invece presente al eLiterature Pedagogy Workshop il prossimo Giugno in Svezia 🙂

L’ePoetry 2011 unitamente a tutte le attività svolte tra il 2010 e il 2011 ha visto un vero e proprio Risorgimento della eLiterature a livello mondiale. Risorgimento a cui l’Italia stenta a prender ufficialmente parte, rischiando, come sempre, di arrivarci troppo tardi. Tuttavia rimaniamo fiduciosi … non può piovere per sempre!

Warmest Regards a tutti i partecipanti all’e-Poetry 2011.

Have a Great eLit Festival!

aprile 19, 2011

European e-Literature Collection: Call for Works

Filed under: Collection,eLiterature — Fabio De Vivo @ 6:43 pm
Tags: , , ,

CC BY-NC-ND 3.0
Fabio De Vivo

http://www.eliteraturecollection.eu/call-for-works/

ITALIAN

European eLiterature Collection nasce in seno all’eLiterature Research Project. Lo scopo dell’antologica è quello di offrire uno strumento fondamentale per la ufficializzazione della e-Literature in Europa. Gli editori della European eLiterature Collection valutano, selezionano, recensiscono e pubblicano sul web opere di Electronic Literature prodotte da autori europei.

Gli autori di qualunque genere di Digital Literature  (es.: hypertext fiction/poetry, interactive fiction/poetry, generative fiction/poerty, interactive drama) potranno richiedere l’inserimento nell’antologia scrivendo all’indirizzo postmaster [at] eliteraturecollection.eu. Per ogni richiesta è necessario allegare una propria presentazione e una descrizione in inglese (ca. 120 parole) dei lavori che si vuole sottoporre. Ogni autore può sottoporre massimo quattro lavori ogni anno. I lavori verranno valutati e recensiti per poi essere raccolti e pubblicati nell’antologia web con licenza Creative Common BY-NC-ND 3.0 (Attribution-NonCommercial-NoDerivs).

ENGLISH

The European eLiterature Collection is a project developed as part of The eLiterature Research Project. The aim of the anthology is to provide an essential tool to assist in formalizing e-Literature in Europe. In this respect, the European eLiterature Collection Commission, evaluates, reviews, publishes, and archives works of Electronic Literature by European authors.

Authors of any genres of Digital Literature (es.: hypertext fiction/poetry, interactive fiction/poetry, generative fiction/poetry, interactive drama) may request inclusion in the anthology by writing to the email address: postmaster [at] eliteraturecollection.eu. Requests should be accompanied by a short author biography and a 120 word description of the work being submitted. Authors can submit up to a maximum of four works per year. The works will be evaluated and reviewed to be hosted and published in the anthology under Creative Common BY-NC-ND 3.0 License (Attribution-NonCommercial-NoDerivs).

http://www.eliteraturecollection.eu/call-for-works/

gennaio 8, 2011

eLiterature sulla cresta dell’onda

CC BY-NC-ND 3.0
Fabio De Vivo

Dopo diversi mesi di consulenza alla fine è uscito! E la eLiterature ha guadagnato spazio anche su uno dei più storici quotidiani italiani che attualmente vanta una diffusione media di circa mezzo milione di copie al giorno. “Arriva la Letteratura Elettronica” un articolo in cantiere dall’Estate del 2010 quando fui contattato per la prima volta dalla giornalista Alessia Rastelli della redazione del Corriere per una consulenza sul tema della letteratura elettronica. Una incubazione lunga, ma che alla fine ha presentato per la prima volta all’ampio pubblico dei rotocalchi quello che fin’ora è stata in Italia una fantasyland di nicchia, il New Media Writing, o meglio conosciuta come Letteratura Digitale o Letteratura Elettronica. Complimenti Alessia, per l’intuizione, la caparbia e l’ottima fattura dell’articolo.

Un 2010, quindi, decisamente proficuo per la eLiterature non solo in Italia, ma in tutta Europa. Dalla pubblicazione della prima antologia sulla webletteratura italiana, che ha offerto una prima infarinatura sull’argomento, all’organizzazione del convegno internazionale Officina di Letteratura Elettronica a Napoli, al quale interverrò il prossimo 20 Gennaio, fino alla istituzionalizzazione Europea del fenomeno con il progetto europeo ELMCIP, di cui ho parlato nei post precedenti, il cui abbrivio è avvenuto a Bergen lo scorso 20 e 21 Settembre 2010.

E a pensare che, nel secondo semestre del 2007, quando iniziai ad occuparmi di letteratura elettronica, ero piuttosto scettico sulle possibilità che questo nuovo fenomeno culturale avesse di attecchire rapidamente in un Paese così tradizionalmente culturale come l’Italia. E quanto sembra lontana, nostalgicamente lontana, benché non siano passati neanche tre anni, quella prima chiacchierata con Filippo Rosso nell’ambito del Project Interview. In quell’occasione chiusi l’intervista con la domanda “Che futuro si prospetta alla eLiterature in Italia?” alla quale Filippo mi rispose “Credo che ormai ci sia un respiro generale, semmai il problema è solo un discorso ‘con quanto ritardo arriverà in Italia, piuttosto che in altre realtà?’.” Beh, Filippo, la risposta ce l’abbiamo ora sui rotocalchi.

Versione on line articolo.

Versione cartacea articolo.

 

 

dicembre 13, 2010

Electronic Literature Pedagogy

Filed under: eLiterature,Notizie — Fabio De Vivo @ 10:59 am
Tags: , , , ,

Sono appena venuto a conoscenza che tra i vari seminari e workshop organizzati in seno al ELMCIP ci sarà un importante incontro sulla Pedagogia della eLiterature. Un’ottima notizia considerato il terreno da riprendere in quest’ambito rispetto alle sperimentazioni oltreoceano. Riporto di seguito il programma.

This workshop aims to examine the educational models of the study and practice of electronic literature that exist in Europe. Currently, there are relatively few European examples of such courses and programs. Such courses exist in a diverse range of disciplinary contexts and thus courses are informed by different theoretical and practical traditions. Therefore, the workshop will serve to both map and consolidate the educational models in practice in Europe today and to build upon shared experiences and knowledge so as to further develop educational models and policies in European higher education.

We invite active educators and researchers in the field of electronic literature and relevant fields from Europe and beyond to discuss models of practice, pedagogy and critical inquiry. The critical mass of a Pan-European group will allow for reflections on how educational models can inform the formation of creative communities and help to sustain them.

The workshop on pedagogy and electronic literature in education will be structured as a single strand event of panel discussions and individual conference presentations.

Day 1
Morning: Presentation of individual educational practices and pedagogical programs.
Afternoon: Panel discussions on European institutional models for teaching electronic literature.

Day 2
Morning: Presentation of individual educational practices and pedagogical programs.
Afternoon: Panel discussions on pedagogical models

 

 

Electronic  Literature   as  a  Model  of  Creativity  and  Innovation in Practice

Filed under: eLiterature,Notizie — Fabio De Vivo @ 8:29 am
Tags: , , ,

Sul sito ufficiale di del progetto ELMCIP sono disponibili i video dei vari interventi. Io ho estratto il programma della ricerca. E’ molto interessante notare come la Letteratura Elettronica sia ampiamente diffusa in Europa, ma rimanga ancora un fenomeno di nicchia. Il 2010 sembra configurarsi come l’anno di un brusco exploit ufficiale del fenomeno. Ciò non può far che piacere.

Ecco alcuni estratti dei video:

novembre 22, 2010

Intervista con Noah-Wardrip Fruin

E’ disponibile l’intervista con Noah Wardrip-Fruin nella sezione Interviste.

Thanks Noah.

ottobre 31, 2010

Tre nuove interviste: Campbell, Waber e Wardrup-Fruin

A breve saranno disponibili tre nuove interviste

Andy Campbell creatore del portale Dreaming Methods e direttore di One to One Productions. L’intervista verterà sulla Immersive Interactive Fiction con riferimento alle sue opere Dim O Gauble e Nightingale’s Playground.

Dan Waber artisca e digital writer. L’intervista verterà sulla 3D Literature, Mail Art e Hypertext Novel ed in particoalre su opere quali I, You, We, five by five, Mail Art To And From Dan Waber e Kiss.

Noah Wardrip-Fruin membro del direttorio della ELO, nonché artista, studioso e professore presso l’Università di California. L’intervista verterà sulla possibilità e potenzialità della letteratura elettronica con riferimento alle sue opere quali Regime Changes and News Readers e The Impermanence Agent e Screen.

Stay on.

ottobre 30, 2010

1° Conferenza Internazionale di eLiterature in Italia

Ho appena ricevuto l’invito per il 1° Convegno Internazionale sulla eLiterature. Mi rallegra che finalmente anche in Italia le cose si stiano muovendo verso un maggiore interesse nei confronti di un fenomeno dalla portata vastissima e dalle enormi potenzialità. Ragion per mi complimento con gli organizzatori del convegno tra i quali Lello Masucci.

Vedrò di non mancare!

PROGRAMMA

L’OLE, Officina di Letteratura Elettronica è pensata come convegno internazionale e festival. Il convegno ed il festival rappresentano il primo significativo evento inerente la letteratura digitale organizzato in Italia. Il convegno permetterà di introdurre anche in Italia una disciplina di studio emergente come la letteratura elettronica. Ricercatori e artisti, provenienti da diverse parti del mondo,  avranno l’occasione di incontrarsi e di presentare i loro lavori e le loro ricerche.

La conferenza e il festival si terranno a Napoli presso il Palazzo delle Arti, PAN (http://www.palazzoartinapoli.net/) i giorni 20 e 21 Gennaio 2011.

Le lingue del convegno saranno l’italiano e l’inglese, ed è prevista la traduzione simultanea degli interventi.

L’ Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli offrirà ai conferenzieri e agli artisti due notti in hotel e i pasti. Una cena di gala è prevista nella seconda giornata come evento conclusivo dei lavori.

Il convegno sarà pubblicizzato a livello locale e nazionale.

Pagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: